Sostenitori Associazione
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
News
Home Studi - Proposte - Varie Sociale-Economia-Politica Euro e economie Europee

Euro e economie Europee

Riportiamo qui di seguito un'introduzione significativa tratta dalla Rassegna Stampa dell'Associazione Teorema in merito all'Euro e alle economie Europee

 

"Il quadro dell’Economia Europea presenta consistenti segnali di rallentamento e soprattutto una crescente divaricazione fra i diversi Paesi dell’ Unione sia sul terreno della competitività che dell’ innovazione e della robustezza finanziaria: da una parte Germania, Svezia, Austria e altri Paesi del Nord Europa e  dall’ altra Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e ora in parte anche la Francia; in questi Paesi si registra una situazione difficile sia sotto il profilo degli equilibri finanziari (debito pubblico elevato) che per la prolungata decrescita economica – calo dei consumi -, con conseguente aumento della disoccupazione, in particolare di quella giovanile. Questa divaricazione sta mettendo a dura prova le ragioni fondative dell’Unione Europea e della stessa Moneta Unica, contribuendo a dar fiato ad un crescente sentimento antieuropeista. Come poter evitare una tale deriva regressiva rispetto alla costruzione di un’ Europa che oltre a salvaguardare la Moneta Unica sappia essere solidale anche sul terreno economico e finanziario? Per porre rimedio alla mancata integrazione tra i diversi Paesi, occorrerebbe lavorare per una maggiore crescita economica e per una più accentuata integrazione anche politica, altrimenti le spinte nazionalistiche potrebbero prevalere."

 

Sullo stesso tema è da segnalare questo video tratto dal Corriere della Sera del 21/11/2013

 

http://www.corriere.it/inchieste/reportime/economia/valuta-ombra/7c8310fe-520f-11e3-a289-85e6614cf366.shtml

 

Apprezzando l'Associazione Teorema per la sua azione, vorremmo ricordare che sin dal 2011 la nostra Associazione e pochi altri battevano insistentemente su questi temi. Allora - nella totale solitudine e noncuranza della Politica e dei giornali -  fummo confusi tra i "populisti". Oggi, nell'approssimarsi delle elezioni europee del 2014, quella stessa Politica e quegli stessi media che hanno permesso "il disastro", stanno tentando di riappropriarsi del "Vero Tema" dell'azione politica dei nostra giorni, ignorato dai più, in tutt'altre faccende affaccendati.

Da parte nostra non possiamo che - ancora una volta - "allertare" l'attenzione popolare (e non popolusta!) degli associati e simpatizzanti, auspicare un "risveglio" e levare il nostro ringraziamento per aver colto il segno : "Laudato sii o mio Signore...."